Venerdì 18 Maggio 2018 - 17:30

Giro d'Italia: Viviani vince tredicesima tappa, Yates resta in rosa

La maglia ciclamino ha dominato la frazione di 180 km da Ferrara a Nervesa della Battaglia

Giro d'Italia 2018, tappa 13 da Ferrara a Nervesa della Battaglia

Elia Viviani ha vinto in volata la tredicesima tappa del Giro d'Italia, la frazione di 180 km da Ferrara a Nervesa della Battaglia, in provincia di Treviso. Per il ciclista della Quickstep si tratta del terzo successo in questa edizione del Giro. Simon Yates mantiene la maglia rosa.

La maglia ciclamino ha preceduto Sam Bennett e Danny Van Poppel. Quarta piazza per Sacha Modolo, il primo a lanciare lo sprint per andare a riprendere Marco Coledan, che all'ultimo chilometro con un'azione da finisseur aveva provato a sorprendere il gruppo.

La quattordicesima tappa della corsa rosa è fissata per sabato 19 maggio ed è una delle più attese, con partenza da San Vito al Tagliamento e arrivo in cima allo Zoncolan dopo 186 km. 

La classifica generale del Giro d'Italia dopo la tredicesima tappa

1. Simon Yates (GBR/Mitchelton) 55h54m20s
2. Tom Dumoulin (OLA/SUN) +47"
3. Thibaut Pinot (FRA/FDJ) +1'04"
4. Domenico Pozzovivo (ITA/BAH) +1'18"
5. Richard Carapaz (ECU/MOV) +1'56"
6. George Bennett (NZL/LNL) +2'09"
7. Rohan Dennis (AUS/BMC) +2'36"
8. Pello Bilbao (SPA/AST) +2'54"
9. Patrick Konrad (AUT/BOR) +2'55"
10. Fabio Aru (ITA/EAU) +3'10"
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Open Golf Championship a Carnoustie - Quarto Giorno

Golf, Molinari sesto nello Us Championship. Trionfa Koepka

Grande prestazione dell'azzurro a St Louis. Ora è sesto al mondo. Il ritorno di Tiger Woods che chiude secondo

Atletica, staffetta 4x100 donne: Italia settima. Azzurri squalificati

Pasticcio degli uomini al secondo cambio nella semifinale

Atletica, Berlino: la maratone nella giornata di chiusura dei giochi europei

Europei atletica, Rachik bronzo nella maratona. Oro e argento nelle classifiche a squadre

L'azzurro finisce in 2:12:09, suo record personale. I maratoneti primi nella competizione maschile e secondi in quella femminile