Venerdì 13 Luglio 2018 - 21:00

Milano tra droghe vecchie e nuove: quali sono e chi le usa

Dalla 'classica' marijuana alla yaba, detta la "droga della pazzia". E sui social spuntano le 'promozioni' per attirare i più giovani

Sopralluogo a Rogoredo nel boschetto dello spaccio

Droghe "vecchie" -  come la marijuana , la cocaina, l'eroina da fumare o da iniettarsi in vena - e "nuove", come quelle sintetiche che si affacciano di continuo sul mercato. E ancora  molecole testate per diventare medicine, che poi non sono mai approdate sugli scaffali delle farmacie. Ma anche pastiglie e sciroppi, soprattutto oppiacei, comprati on line senza prescrizione o con ricette contraffatte o rubate.

E' anche dalla rete che passa la vendita della droga che invade la piazza di Milano, sempre in novità. "E' un mercato molto mobile e che va veloce ed è in continua evoluzione",  avverte il professor Riccardo Gatti, che dirige il Dipartimento Interaziendale Prestazioni Erogate nell'Area Dipendenze (DIPEAD) della ASST Santi Paolo e Carlo che opera su tutta la città di Milano. E proprio dalla rete e dai social network, come Instagram, passano le "promozioni" destinate ai più giovani, come i tanti video sulla cannabis a basso potenziale, le immagini di farmaci, i servizi sull'eroina. Sempre on line 'passano' le ricette per lo "sballo fai da te" a base di cocktail di medicinali, anche questi rintracciabili in rete in pochi click.

Anche i costi si stanno abbassando in maniera netta.  Nel 'boschetto dello spaccio' a Rogoredo, ad esempio, e in altri posti a Milano si possono comprare dosi di eroina a prezzi molto bassi, compatibili anche con le tasche degli studenti. "Il costo per quelle che in tanti chiamano 'mini dosi' va dai 2 ai 5 euro, praticamente regalata - chiosa Gatti - . E' chiaro che sono prezzi promozionali, pensati per attirare anche la clientela dei ragazzini di 13 o 14 anni, che magari l'eroina la fumavano, e indurli a provare qualcosa di più forte". Quella di Rogoredo è una enclave di degrado, dove ci sono situazioni da zoo di Berlino, dicono gli operatori del settore, ma non sono la normalità.

In espansione anche il mercato delle "droghe etniche", come lo shaboo, di origine filippina, o la più recente yaba, la "droga di Hitler" o "droga della pazzia". Le pastiglie costano pochissimo: appena 4 euro. Gli effetti di questa potente metanfetamina diffusa nella comunità thailandese , però, possono essere devastanti. Inutile dire che prezzi bassi e diffusione capillare le hanno diffuse anche tra i giovanissimi italiani.

Molti di più, poi, sono ragazzi e adulti, per i quali le droghe fanno parte della quotidianità. Tra i consumatori abituali, anche segnalati in Prefettura, ci sono professionisti, piloti di aereo, cardiochirurghi, ma anche casalinghe e uomini e donne over 60. Difficile fare un identikit. Ad attrarre tutti, però, è la stessa promessa: trovare qualcosa che renda più svegli, performanti, efficienti sul lavoro, che potenzi le capacità sessuali, che faccia sentire meglio. Da questo alla dipendenza, il passo è breve.

Il messaggio, per chi  nelle forze dell'ordine e nella Sanità si confronta con questo mondo tutti giorni, è chiaro: le droghe sono sempre più  "per tutti". "Si sta affermando un uso sempre più ricreativo delle sostanze - fa notare Gatti - che sono sono sempre più percepite come parte della vita di tutti i giorni". E proprio il fatto che l'uso di stupefacenti sia stato 'sdoganato' favorisce il diffondersi delle dipendenze, che sono tante. "Dovremmo parlare anche dell'alcol, che pur essendo legale è la prima causa di ricovero nei nostri pronto soccorsi, di gioco d'azzardo, di dipendenza dal sesso, di abuso di farmaci - conclude Gatti - . Troppe volte affrontiamo il tema delle dipendenze in relazione all'oggetto, invece di concentraci sul soggetto che le sviluppa".

Scritto da 
  • Benedetta Dalla Rovere
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Empoli, donna incinta di quattro settimane muore in ospedale

Era ricoverata da sei giorni per rischio disidratazione, dopo l'ultimo giro di visite la situazione è precipitata

SPAIN-EU-MIGRANTS

Migranti, il campione Nba Marc Gasol: "Ho deciso di aiutare dopo la foto di Aylan"

Il giocatiore di basket era a bordo dell'imbarcazione della Ong Open Arms che ha recuperato Josephine rimasta in mare per 48 ore. "Se ci avessero dato la posizione esatta della zattera avremmo potuto salvare anche il bambino"

Presidio di protesta contro l’abusivismo nel settore dei taxi a Milano

Milano, tassista abusivo violenta giovane cliente: arrestato

La 20enne era uscita da una discoteca ed è stata avvicinata dall'uomo che l'ha violentata in un parcheggio