Domenica 22 Aprile 2018 - 14:15

Lecce, 17enne picchiato dai compagni di scuola: le violenze in un video

Le immagini sono arrivate alla mamma del ragazzo che aveva sempre negato i maltrattamenti. I genitori hanno denunciato

Botte e umiliazioni subite dai bulli in classe, riprese in un video diffuso nelle chat tra i compagni. È successo in una scuola dell'hinterland di Lecce. La vittima è un ragazzo di 17 anni. Le immagini dei maltrattamenti sono arrivate tra le mani dei genitori del ragazzo che hanno deciso di denunciare l'accaduto e presentare un esposto alla Procura di Lecce.

 

Loading the player...

Nel video, diffuso da il Quotidiano di Puglia, si vede la vittima presa a calci e colpita con una sedia, mentre subisce gli atti di bullismo senza reagire. L'episodio risalirebbe a un paio di settimane fa, ma secondo la famiglia le aggressioni e le umiliazioni sarebbero avvenute durante tutto l'anno scolastico.

"Un ragazzo molto fragile, chiuso, introverso e sensibile, che non riusciva a raccontare quello che gli stava succedendo a scuola", così Giovanni Montagna, legale della madre del ragazzo di 17 anni aggredito a scuola, raggiunto da LaPresse, descrive la vittima degli atti di bullismo emersi in un istituto tecnico di Lecce. La vicenda è stata denunciata alla Procura di Lecce dalla famiglia della vittima, dopo che un amico ha filmato quanto accadeva in classe. La madre del ragazzo lo vedeva da tempo "abbattuto e triste", e aveva notato alcuni lividi sul corpo e sulle gambe. "Il suo rendimento scolastico era eccellente, poi è calato sensibilmente e anche quello è stato un campanello di allarme", spiega

l'avvocato. Alle domande della madre, però, il 17enne non rispondeva perché "non riusciva a 'confessare' quello che gli stava succedendo". Alla fine, il 7 aprile, alla donna è arrivato il video, girato da un amico della vittima che voleva "mettere al suo posto" il bullo. "Da questo elemento è nata la querela e il ragazzo, anche se fa ancora fatica a parlare ed è molto reticente, ha ammesso e raccontato", continua il legale. È emerso così che il ragazzo veniva picchiato ogni giorno "almeno da settembre o ottobre". Tra gli episodi riferiti alla madre, anche l'uso della sua maglietta come cancellino per la lavagna. Ora per il 17enne sarà valutato un ascolto protetto davanti al giudice con il supporto di uno psicologo.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Farah è tornata in Italia, Alfano: "Adesso è in un luogo sicuro"

I genitori avevano condotto la ragazza pakistana a Islamabad per costringerla ad abortire